Tsunami Thailandia 2004 Vittime

Il maremoto dell'Oceano Indiano e della placca indo-asiatica del 26 dicembre 2004 è stato uno dei più catastrofici disastri naturali dell'epoca moderna, che ha causato centinaia di migliaia di morti.

Ha avuto la sua origine e il suo sviluppo nell'arco di poche ore in una vasta area della Terra: ha riguardato l'intero sud-est dell'Asia, giungendo a lambire le coste dell'Africa orientale. 29 dicembre 2004. Il Theptharo Resort, a Khao Lak, in Thailandia, distrutto dallo tsunami. 11 dicembre 2014.

La vegetazione ha preso il posto del resort, che non è mai stato ricostruito (Getty. Lo tsunami si propaga per tutto l’Oceano Indiano e dopo circa 2 ore raggiunge le coste dello Sri Lanka (41.000 vittime), dell’India (10.700 vittime) e della Thailandia (5.300 vittime).

Roberto Vettori, pesarese scampato allo tsunami nel 2004 Pesaro, 26 dicembre 2014 - LUI si sente un miracolato.

«Non avrei mai pensato che avrei mangiato il decimo panettone ». 15 anni fa, il 26 dicembre del 2004, onde di oltre 14 metri si abbattevano sulla Thailandia e sui Paesi che si affacciano sull’Oceano Indiano.

Lo tsunami è stato scatenato da un terremoto di.

La causa dello tsunami di Sumatra del 26 dicembre 2004 che ha investito tutto l'Oceano Indiano è stato un terremoto molto violento di magnitudo pari a 9,3 della scala Richter.

È stato il terremoto più grosso registrato dopo quello Cileno del 22 maggio 1960 di magnitudo 9,5. Quasi trecentomila persone persero la vita il 26 dicembre 2004 a causa del violentissimo tsunami che colpì soprattutto Indonesia, Thailandia e Sri Lanka. in ricordo delle vittime del 26. Quasi trecentomila vittime. Il 26 Dicembre 2004 uno dei. avvenne a 10 km di profondità determinando uno tsunami distruttivo che causò danni incalcolabili dall'Indonesia alla Thailandia. Indonesia, Thailandia e Sri Lanka sono stati i tre paesi a subire più danni a seguito del violentissimo tsunami che il 26 dicembre 2004 causò la morte di almeno 230 mila persone, secondo una. Il 26 dicembre del 2004 un terremoto di magnitudo 9.

1 provocò un maremoto dell'Oceano Indiano e la morte di oltre 230mila persone tra Indonesia, Thailandia, Sri Lanka, India e Malaysia.